La produzione idroponica in Turchia

DATA:
12 Dicembre 2020

VISUALIZZAZIONI:

163

In Turchia, l’1,7% della superficie serricola è destinata alla coltivazione idroponica, dalla quale si ricavano prodotti ortofrutticoli (92%) – soprattutto pomodori e peperoni e di recente anche lattughe e fragole – e piante ornamentali (8%). Sul totale della produzione, l’85% viene esportato. L’area di Antalya, città situata nella Turchia meridionale, è la zona maggiormente vocata a questo tipo di coltivazioni.

La resa e la qualità dei prodotti ricavati dalle colture idroponiche risultano molto elevate, superiori a quelle dei prodotti “in suolo”. Ciò dipende dall’impiego di substrati di coltivazione sterili, che non rendono necessario l’uso di pesticidi prima del trapianto e dal fatto che, solitamente, questi prodotti crescono in serre protette e a clima controllato, aspetti che rendono le piante meno esposte a malattie, parassiti e gelate. Vantaggi si evidenziano anche per quanto riguarda il costo del lavoro, significativamente inferiore poiché non sono richieste operazioni di zappatura del terreno e controllo degli infestanti.

Fonte: sosyal.paraanaliz.com 

Foto: Nick Collins from Pexels

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER


Ho letto e accetto la privacy policy*

ARGOMENTI
Cronologia
febbraio 2019
28 Febbraio 2019

Incontro informativo. I virus del pomodoro: la prevenzione è la miglior difesa

Centro Congressi Davide Failla - Vittoria (RG)

febbraio 2018
23 febbraio 2018

La gestione del pomodoro in coltura protetta

Primo convegno Road to quality Vittoria (RG)

novembre 2017
9 Novembre 2017

II° Symposium sul Pomodoro

Vittoria (CT) - Italia

maggio 2017
9-11 Maggio 2017

Macfrut 2017

Rimini Expo Centre Rimini (RN) - Italia

aprile 2017
5 Aprile 2017

Convegno “Tracciabilità e innovazione, gli strumenti per un’orticoltura di successo”

San Mauro Pascoli (FC) - Italia

marzo 2017
16 marzo 2017

Convegno “Tracciabilità e innovazione, gli strumenti per un’orticoltura di successo”

Bergamo (BG) - Italia